Yasmina Khadra, pseudonimo di Mohamed Moulessehoul, è uno scrittore algerino che dal 1999 vive in Francia. Tradotto in decine di lingue, in Italia si è conquistato un pubblico grazie ai due noir, Morituri (1998) e Doppio bianco (1999), editi da e/o. In seguito sono usciti Cosa sognano i lupi? (Feltrinelli, 2001), Le rondini di Kabul ( Mondadori 2003), La parte del morto (2005), L’attentatrice (2006) Le sirene di Baghdad (2007) e Quel che il giorno deve alla notte (2009), miglior libro del 2008 per la rivista letteraria Lire, adattato al cinema nel 2012. Con Sellerio ha pubblicato Gli angeli muoiono delle nostre ferite (2014), Cosa aspettano le scimmie a diventare uomini (2015) e L’ultima notte del Rais (2015). Yasmina Khadra ha partecipato a SABIRFESTIVAL, Venerdì 9 ottobre 2015, nella sezione scritture fuoriLuogo.